Le moderne calcolatrici

Oggi giorno le calcolatrici sono tascabili e sono anche inserite in pc, tablet, cellulari e orologi ma non è sempre stato così.
Le calcolatrici hanno origini antiche  e il primo prototipo in assoluto fu inventato nel 1623 da uno scienziato tedesco (Wilhelm Schickard). Solo nel corso del XIX secolo però, grazie allo sviluppo della meccanica e delle nuove tecnologia, si iniziarno a costruire in serie le prime calcolatrici a livello industriale, erano percò macchinari enormi e molto ingombranti che furono dotate di tasti solo verso la fine del 1800. Nel XX secolo arrivarono le calcolatrici elettromeccaniche, più veloci e meno ingombranti delle precedenti, ma sempre abbastanza grandi e il cui mercato mondiale fu a lungo dominato dall’Olivetti come per le macchine da scrivere. Verso la fine degli anni ’70, grazie all’invenzione dei transistor per i pc, le calcolatrici divennero digitali e tascabili, piccole comode e alla portata di tutti anche come costi. Svariati secoli dopo la sua invenzione ecco che la calcolatrice resta uno strumento pratico ed indispensabile, presente su ogni PC e smartphone.